Cena Austro Italiana

Avevo questo articolo da tempo nel cassetto… che non ho pubblicato perché scritto di getto e non più riguardato.

Spesso le esperienze più sentite hanno bisogno di un momento di tranquillità per essere rielaborate, così a 6 mesi di distanza mi ritrovo  a raccontare di un’esperienza chiave della mia vita che racchiude nuovi incontri, nuovi progetti, nuove consapevolezze.

Ho già nominato diverse volte, come qui, che collaboro con il sito internet “Scappiamo in Austria”, un portale molto ben articolato, suddiviso in regioni ed in argomenti, che illustra l’Austria in tutte le sue sfacettature e possibilità agli italiani, ma non solo, porta esperienze di italiani che vivono in Austria, dà suggerimenti su come muoversi, tratta argomenti di attualità e molto altro ancora…

Uno dei Plus di questo portale è la sua coralità, cioè articoli, punti di vista e argomenti diversi, perché nonostante Enzo sia il capo, lascia parlare e dà peso ai suoi collaboratori.

Come avevo scritto nell’articolo sopracitato ero in trepida attesa di incontrare Enzo e naturalmente Claudia, la prima persona che mi ha contattato e coinvolto, durante il mio prossimo viaggio a Salisburgo.

{1E53A29C-7777-4149-BFF9-73CAED7C1140}-DSCN1514 (2)

I social network permettono di stringere amicizie con persone che non conosci, con cui entri subito in sintonia… la chat è una conversazione a scoppio ritardato, che ti permette di leggere e capire prima di interrompere e replicare… ma per un’oldie di vecchio stampo come me rimane la curiosità di conoscere personalmente con chi sto interagendo, di presentarmi e confrontarmi in maniera naturale…

…e finalmente la collaborazione al progetto della cucina austriaca ha trovato il suo exploit nell’incontro a Salisburgo tra Claudia e Roberta, dove per l’occasione speciale Claudia ha cucinato gli Spätzle della ricetta di Scappiamo in Cucina  in versione italiana.

20140722_214151-1

Dopo il “lavoro a distanza” al progetto culinario, questa collaborazione doveva pur culminare con un incontro: per conoscersi personalmente, rafforzare i rapporti e le future collaborazioni.
Oltre a Clò e Roberta si sono conosciute due famiglie, con le loro speranze, sogni progetti, ma anche le loro difficoltà di trasferimento, di lingua e di lavoro.
Ne è uscita una serata ricca di racconti, esperienze e di risate.
Il tutto condito da un’ottima cena bi-culturale preparata da Clò e Manu (il marito di Clò): Spätzle ai finferli, grigliata di carne invero stile austriaco con tanto di forno barbecue in muratura, patate al forno e cipolle gratinate, un pinzimonio con una salsa speciale e… un’italianissima crema al mascarpone!

Ho chiesto a Claudia di inviarmi le Sue impressioni, naturalmente con il segreto delle ricette!!

“Sono sempre più convinta che la vita sia fatta di segnali e che l’istinto sia determinante per la nostra felicità. Spesso le nostre paure e le nostre titubanze ci rendono impacciati nella prima impressione ma  se davvero si da ascolto a tutti i messaggi che il nostro corpo e anima ci restituiscono, difficilmente potremmo sbagliare su così tanti “primi impatti”.
L’istinto mi ha portato a conoscere Robbi virtualmente, la prima impressione mi ha portato a conoscerla di persona ed infine è avvenuto anche l’incontro delle nostre famiglie.
E’ bello dialogare con chi riesce a comprenderti, con chi riesce a capire fino in fondo il tuo stato d’animo perché, che dir se ne voglia, l’aver camminato lungo lo stesso percorso avvicina ancor più.
Tutto è iniziato con la ricerca di una collaborazione ad un progetto mediatico e il frutto più importante che è stato raccolto, è stata una bella amicizia che sta velocemente crescendo.
Da cosa nasce cosa e così si è arrivati ad un delizioso incontro “attorno ad un tavolo” per gustarsi una cena italo-austriaca amalgamando due culture differenti e abbracciandole con la stessa intensità.”
Spätzle mit Pfifferling
Seguire attentamente la ricetta di Robbi (che senza esagerare è la migliore di tutte quelle che ho provato 😉 )
Nel frattempo in un’altra padella mettete a soffriggere con un poco di olio, una o più cipolle rosse (la quantità e il colore va a gusto) e uno spicchio d’aglio, il tutto tritato finemente. Dopodiché unire i Pfifferling mondati a pezzetti.
A cottura ultimata unire gli Spätzle ai funghi e per rendere tutto più cremoso ho aggiunto un paio di cucchiai di mascarpone bianco.
20140722_190238
 
Grigliata di carne austriaca
DSCN2167Patate al Forno
Pelate e tagliate le patate e lasciatele a mollo in acqua e sale una mezz’oretta. Poi asciugatele, riponetele in una teglia e conditele con olio, sale e rosmarino. Per non farle attaccare alla teglia e quindi evitare che si rompano o brucino, potete usare della carta forno con cui rivestire la teglia. Tenete conto che in questo caso, servirà meno olio.
Cipolle al forno
Pelate e tagliate delle grosse cipolle a metà orizzontalmente (io ho usato quelle rosse che cuocono più in fretta e sono un po’ più dolci). Cuocetele per 15-20 minuti (a seconda della grandezza) in una pentola a pressione con due dita di acqua e un pizzico di sale. Le cipolle dovranno essere quasi cotte, tanto che i denti di una forchetta possano penetrare nei suoi diversi strati.
In una ciotola, preparate il pangrattato condito con il sale, erbe aromatiche e olio. Siccome il pangrattato assorbe molto liquido, potete aggiungere l’acqua di cottura delle cipolle, quanto basta per far si che il pangrattato risulti leggermente bagnato, quasi a compattare.
Adagiare le cipolle su una teglia da forno e ricopritele con il pangrattato condito come sopra e se volete un filo di olio. Sul fondo della teglia versare un pochetto di acqua di cottura delle cipolle, affinché non si attacchino e brucino.
Infornare dapprima con coperchio in modo da far ultimare la cottura delle cipolle e infine scoperchiare affinché il pangrattato si abbrustolisca adeguatamente. Quando si è dorato per bene (e l’acqua sul fondo si dovrebbe essere asciugata completamente) spegnere e servire.
 
Dolce di Mascarpone
In linea con l’idea di Robbi, le ricette tramandate sono sempre a noi le più gradite.
Questa ricetta è della nonna di un’ altra mia cara amica.
Per ogni 100 grammi di mascarpone:
1 uovo
1 cucchiaio grande di zucchero (io di cucchiai gliene metto due rasi e lo zucchero che utilizzo è di canna grezzo integrale. Molto scuro e polveroso).
 
Separate i tuorli dall’albume.
Montate i tuorli con lo zucchero per circa 10 minuti. Poi aggiungete il mascarpone e amalgamate il tutto (anche con le fruste ma a bassa velocità) fino ad uniformare il composto.
A parte montate gli albumi, finché non saranno ben sodi (potete provare a inclinare il recipiente e il composto non si dovrà minimamente muovere). Meglio montare un paio di minuti in più che rischiare di veder smontare il tutto.
Poi unite gli albumi montati al mascarpone, avendo l’accortezza di mischiarlo dal basso verso l’alto per non smontare il composto e di aggiungerlo gradualmente in modo che non si formino grumi di albume poi difficili da sciogliere e poco gradevoli da gustare.
Riporre in frigo a temperatura media, almeno un paio di ore prima di servirlo. Se il tempo a vostra disposizione è poco, potete metterlo anche in freezer, ma controllatelo spesso onde evitare che congeli o si ghiacci.
Servitelo con una spolverata di cacao amaro o riccioli di cioccolato.
Ho parlato di esperienza chiave. Difficile da spiegare in poche ed efficaci parole.
Spesso le difficoltà ci mettono in uno stato di tristezza ed inerzia. In questi momenti è più facile lamentarsi e restare immobili, invece di seguire le nostre passioni e contribuire attivamente alla nostra felicità.
Questa occasione mi ha fatto capire che la passione e la felicità sta nelle piccole cose, per me in una ricetta, nello sperimentarla, in un nuovo incontro, nell’approfondirlo, in un confronto di idee ed opinioni, in un piccolo progetto, nell’ampliarlo, in una serata in compagnia tra una cosa seria ed una risata.
Di conseguenza, quando ci si mette passione e volontà, si viene sempre più apprezzati dalle persone che ci stanno intorno!
 DSCN1876
Così in una paginetta Vi abbiamo “incoraggiato” a stringere nuove amicizie, non solo virtuali, ma soprattutto reali, a creare e progettare con voi stessi e con gli altri, ad incontrare gli amici, ad ascoltarli e ridere con loro… ma soprattutto avete un intero menù per una bella serata conviviale! 😉
20130706_222208-1
Che dire… grazie ad Enzo e Claudia che mi hanno fatto capire una cosa fondamentale: CARPE DIEM!
 carpe-diem-orazio-cogli-l-attimo_thumb[2]
Annunci

Un pensiero su “Cena Austro Italiana

  1. Ciao. Sto tornando ora da una brevissima fuga a Graz con mio marito il quale , incantato dallacucina austriaca mi chiede di fargli a casa una gulashsuppe! Hai una ricetta buona e affidabile?
    Grazie se puoi aiutarmi con qualcosa di collaudato
    Stefania

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...